Diari di viaggio

I valori condivisi

on
3rd Maggio 2020

Il denaro è stato il primo strumento nella storia dell’umanità ad unificare il mondo; dove religioni e imperi hanno fallito, o avuto successo solo parzialmente, il denaro è riuscito a introdurre nella vita delle persone un sistema di valori condivisi. Le amate banconote (o monete) di qualsivoglia stato del mondo rappresentano una costruzione mentale collettiva basata sulla fiducia reciproca: tutti possono cooperare in un progetto comune, apportando ciascuno le proprie capacità, a condizione che sia presente un intermediario fondamentale, il denaro, con il potere alchemico di trasmutare qualsiasi cosa nell’unico valore universale condiviso: la ricchezza economica.

Musulmani, cattolici ed ebrei, talebani, asiatici ed occidentali, operai, mercenari ed avvocati, borghesi, statisti e uomini di chiesa per millenni si sono azzuffati, ognuno predicando i propri valori in contrapposizione con quelli del proprio vicino, a volte attentando alle loro vite reciproche, ma sempre continuando a fare affari insieme attraverso la condivisione dell’unico valore sul quale non sentissero di essere mai in disaccordo: il denaro.

Una conquista eccezionale in un mondo frazionato e diviso, con delle conseguenze, però, molto pericolose: quando viene voglia di associare a tutto un prezzo, si può comprare e vendere qualsiasi cosa (compresi, per citarne solo alcuni, ideali, tradizioni, cultura e natura). 

L’uomo ha da sempre avuto esigenze e visto opportunità nella propria vita; ma solo il denaro ha reso semplice e alla portata di tutti, rispettivamente il soddisfacimento o la concretizzazione di queste pulsioni.

L’amazzonia, ormai notizia stabile nelle cronache di tutto il mondo da decenni, viene distrutta regolarmente per denaro e il mondo occidentale è responsabile di quanto sta succedendo: non ci sono dubbi su questo. 

Il denaro, però, non è solamente un valore occidentale, ma, come dicevo, universale e viene assimilato da qualsiasi popolo a contatto con la modernità: quando siamo arrivati a piedi in una comunità indigena dell’amazzonia, davanti ai nostri occhi c’erano solo piccole capanne di paglia, qualche campo coltivato a mais, animali sonnolenti e un gran senso di pace. Il paradiso in terra: che cosa dovrebbe desiderare di più un popolo abituato a vivere a contatto con una natura viva e estremamente generosa: frutta, verdura, pesci e animali selvatici sono a portata di mano. Tutto il resto del tempo è dedicato all’ozio e alla vita di comunità.

Ci raccontano la loro storia, come i loro nonni e bisnonni vivevano nel cuore della giungla, ne conoscevano tutti segreti e parlavano con lei; dopo l’arrivo dei primi missionari, questi popoli della giungla hanno iniziato a risalire i fiumi avvicinandosi ai primi centri abitati: commerciavano i prodotti della natura, scambiavano beni e ritornavano in fretta alle loro terre incontaminate.

Hanno lottato per secoli contro l’uomo bianco e i suoi soprusi e sono riusciti a mantenere un grande territorio all’interno della selva dove si sono costituite decine di comunità autonome.

Mentre trascorriamo le nostre giornate con loro, ci abituiamo a un ritmo di vita più lento e rilassato; godiamo della natura, di una vita spartana ma in cui non manca nulla e ci accorgiamo di ogni giorno che passa di essere sereni e soddisfatti.

Loro sono semplici, gentili e spesso sorridenti. 

Però negli occhi del capo villaggio c’è un ombra di preoccupazione, di nervosismo ogni volta che si rivolge a noi per chiederci una e una sola cosa: denaro. All’interno della comunità godiamo di alcune attività organizzate dalla comunità stessa; ci offrono alloggio e vitto e in cambio chiedono giustamente un ritorno.

Però, mi chiedo, perché un ritorno economico? Qualche giorno al mese probabilmente devono andare al mercato nella più vicina città e presentarsi con denaro per comprare i pochi prodotti che non riescono a procurarsi in natura: i loro figli iniziano a frequentare le scuole e, quindi, hanno bisogno di libri e quaderni; nonostante ci ripetano spesso che nella selva possono estrarre qualsiasi tipo di medicina dalle piante, posso immaginarmi che ogni tanto abbiano bisogno di usufruire di un ospedale o di un servizio medico.

Si stanno insomma avvicinando sempre di più ad un sistema moderno occidentale e ne stanno acquisendo gli istituti fondamentali.

Ma perchè allora tanta preoccupazione, imbarazzo o nervosismo? 

Una domanda a cui non so di fatto rispondere, ma lasciando spazio all’intuizione, una delle possibili spiegazioni potrebbe essere questa: nonostante la semplicità di vita e aspirazioni di queste persone, sono allo stesso tempo profondamente connessi con la natura circostante e traggono da essa un enorme conoscenza e saggezza, oltre che sostentamento; nel loro intimo intuiscono i rischi legati alle nostre amate banconote ma, avendo a che fare con turisti da tutto il mondo, si rendano conto del valore universale assunto dal denaro. Si adeguano quindi alla situazione, perchè lentamente sentono sorgere dentro di loro nuove esigenze e intravedono opportunità.

E’ comprensibile avvicinarsi al denaro per utilità, ma perchè non siamo capaci di trovare altri valori da condividere come comunità universale? Gli stessi valori adottati e tramandati da una piccola comunità indigena per migliaia di anni: uno di questi è la preservazione della natura e dell’ecosistema in cui abitiamo, ne dipendiamo e facciamo parte.

————— Bibliografia e riferimenti utili—————

Un grande contributo alla scrittura di questo articolo deriva dalla lettura di un brillante testo di antropologia, scritto da Yuval Noah Harari, professore di storia presso l’Università Ebrea di Gerusalemme. Il suo libro, Sapiens. Da animali a dei: breve storia dell’umanità, è un testo provocatorio e illuminante. Se questo articolo a stimolato la vostra curiosità sul tema dell’antrologia e dei rapporti tra diverse culture, vi consigliamo assolutamente di leggerlo!

TAGS
RELATED POSTS
16 Comments
  1. Rispondi

    phone interview questions

    7th Luglio 2020

    https://waterfallmagazine.com
    It’s perfect time to make some plans for the future and it’s time to be happy.

    I have read this post and if I could I desire to suggest you few interesting things or
    advice. Maybe you could write next articles referring to this article.
    I wish to read more things about it!

  2. Rispondi

    yify

    12th Gennaio 2021

    Really appreciate you sharing this article. Really looking forward to read more. Awesome. Chantal Jimmy Karissa

    • Rispondi

      MarcoMary

      1st Aprile 2021

      Thanks Chantal! Take care

  3. Rispondi

    dizi

    22nd Gennaio 2021

    I visit each day some web pages and websites to read content, except this webpage presents feature based writing. Andromache Wheeler Gine

  4. Rispondi

    donmadan

    31st Gennaio 2021

    Apa beda i banking dengan verifikasi by visa,apa ndk cukup dg ibanking aja Loni Ruy Felike

  5. Rispondi

    hindi movie

    4th Febbraio 2021

    I really like it when individuals get together and share thoughts. Great website, keep it up! Helaina Elihu Davies

  6. Rispondi

    720p

    6th Febbraio 2021

    Hello Dear, are you actually visiting this website daily, if so then you will absolutely get good experience.| Deina Mikol Andria

  7. Rispondi

    hindi movie

    7th Febbraio 2021

    Someone necessarily help to make severely posts I would state. This is the first time I frequented your web page and to this point? I surprised with the research you made to make this actual put up extraordinary. Great process! Laurel Inglis Hayden

  8. Rispondi

    diziler

    9th Febbraio 2021

    certainly like your web-site but you have to check the spelling on several of your posts. A number of them are rife with spelling issues and I find it very bothersome to tell the truth nevertheless I will surely come back again. Pierrette Stanley Nikolaus

    • Rispondi

      MarcoMary

      1st Aprile 2021

      Thanks Pierette for your remarks, take care

  9. Rispondi

    erotik

    11th Febbraio 2021

    Hi there, I do think your web site may be having internet browser compatibility problems. When I look at your website in Safari, it looks fine however when opening in Internet Explorer, it has some overlapping issues. I merely wanted to give you a quick heads up! Apart from that, fantastic website! Sadella Hillyer Montagu

    • Rispondi

      MarcoMary

      1st Aprile 2021

      Thanks Sadella for your remarks, take care

  10. Rispondi

    turkce

    12th Febbraio 2021

    Danke, dass du dabei warst, lieber Oliver. Hoffen wir, dass sich ganz viele nun selbst inspirieren lassen und so ihren eigenen Weg finden. Annamarie Delmor Boorer

  11. Rispondi

    erotik

    12th Febbraio 2021

    Really informative article. Thanks Again. Much obliged. Perl Marion Edmea

  12. Rispondi

    erotik

    13th Febbraio 2021

    This is a very nice post. Thankyou for posting this remarkable article. Carmela Grannie Alvan

  13. Rispondi

    erotik

    17th Febbraio 2021

    Wonderful article! We are linking to this great article on our website. Keep up the good writing. Kandace Rolf Agostino

LEAVE A COMMENT